Istituto di Istruzione Secondaria Superiore - Liceo ed istituto tecnico

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ITSOS Marie Curie - Via Masaccio, 4 - 20063 - Cernusco sul Naviglio - MI
Tel: 02.9240552 - 02.9232934 - 02.9242087 - 02.9240482 - Fax: 02.9232731 - Mail: info@itsos-mariecurie.it

PRIMO LEVI (1919-1987)

L'UOMO, L'INTELLETTUALE, IL TESTIMONE

 

GIORNATA DELLA MEMORIA

28 GENNAIO 2017

BIBLIOTECA DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO

 

Nell'intervento della prof. Elefteria Morosini dell'ITSOS Marie Curie, è stata sottolineata l'importanza che lo stesso Levi ha dato al rapporto con gli studenti, confrontandosi con centinaia di scolaresche in tutta Italia, che lo hanno invitato a commentare il suo libro.

Levi ha scritto di aver sempre cercato di soddisfare tutte le richieste, “tanto che ai miei due mestieri ne ho volentieri aggiunto un terzo,quello di presentatore e commentatore di me stesso, o meglio di quel lontano me stesso che aveva vissuto l'avventura di Auschwitz e l'aveva raccontata” , come scrive nell'Appendice dell'edizione del 1976 di Se questo è un uomo.

In questo testo ha risposto alle domande “che ricorrevano con costanza, e non mancavano mai” , che non trovavano risposte nel libro. Hanno preso così forma definita questioni, che verranno proposte nelle varie interviste che rilascerà e soprattutto in I sommersi e i salvati, il libro in cui è raccolta la summa del suo pensiero, e che ha fatto da guida ad attività didattiche innovative e coinvolgenti, di ricerca e di conoscenza del passato e del presente.

L'esperienza del Viaggio della memoria effettuato nel maggio 2015 a Mauthausen dalla classe oggi 4 B del Liceo delle scienze Umane dell'ITSOS è stata espressa in poesie e in un racconto in forma video, che ha emozionato i presenti.

Caterina Frustagli, autrice di un saggio sul'opera di Levi, ne ha poi sottolineato la grande capacità di comunicare con “linguaggio pacato e sobrio del testimone”.

Uno dei momenti più intensi è stato il ricordo di Levi proposto attraverso lettere e poesie indirizzate a Mario Rigon Stern, cui lo univa l'amicizia nata dalla condivisione di una sofferenza terribile, che entrambi hanno saputo raccontare, e l'amore per la montagna.


Pubblicata il 30 gennaio 2017

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.